Pogerola, frazione di Amalfi, è un grazioso borgo rinomato per la sua quiete  l'aria fresca e salubre. Dall'alto della collina si ammira l'incantevole scenario del Golfo di Salerno, della Costa d'Amalfi fino agli isolotti de Li Galli e, più in basso, le frazioni di Lone e Pastena.


Tale localizzazione ne fa uno dei centri paesisticamente più interessanti della Costiera. Il suo fulcro è rappresentato dalla sommità della collina del Castello, la quale, sovrastando ad occidente Amalfi, ne costituiva uno dei cardini della difesa costiera.


Dalla suddetta cima, ruotando lo sguardo per 360 gradi, iniziando da sud-ovest, si vedono le ripidi pendici dell'altura sprofondare nella stretta e profonda incisione del Cieco. Al di là, si staglia il profilo del territorio di Pastena, dominato dal pianoro di Gaudio. Ad est, il suolo declina dolcemente per settanta metri ed è poi interessato da un salto verticale di oltre cento metri che la isola completamente da Amalfi.


Ma veniamo ai fatti che danno motivo di parlare di questa perla.
Nel cuore del borgo c'è la Chiesa di Santa Maria Vergine del XII secolo, con un bel pronao coperto da volte a crociera,  quì il Parroco Don Luigi de Martino ha fatto si che la Madonna Pellegrina di Fatima venisse ospite nella penultima tappa della sua  Peregrinatio Mariae  in Italia  nel  centenario delle apparizioni (1917-2017).


Il mattino con la Messa di saluto avvenuta nella Parrocchia romana di Santa Margherita Alacoque nel quartiere di Tor Vergata, la Bianca Signora è partita , accompagnata dagli instancabili collaboratori del Movimento Mariano Messaggio di Fatima in Italia, alla volta della Campania,  attraversata Napoli, salendo verso monte Faito, arrivati sul valico all'improvviso lo scenario della Costiera che non smetteresti di ammirarla tanto la sua suggestiva bellezza che è difficile giudicare se meglio in una o l'altra stagione.


Ad attendere la così attesa ospite, Sua Ecc.za Mons.  Orazio SoricelliArcivescovo di Amalfi-Cava de Tirreni, autorità Politiche e Militari insieme ai numerosi fedeli richiamati dalla presenza di Maria.

Si avrà la possibilità di visitare la pregiata Immagine  fino a sabato 2 dicembre, poi partirà per l'ultima tappa del 2017, nella Diocesi di Sabina-Poggio Mirteto, dove a bordo di un elicottero atterrerà a Palombara Sabina per essere intronizzata nella  Parrocchia di San Biagio e Santo Egidio fino al 10 da dove con una solenne Concelebrazione partecipata dalle comunità che l'hanno ospitata in questo lungo anno rientrerà nel  Santuario di Fatima del Portogallo.moreno marroni   foto giancarlo