..DA S. IRENEO A TOR VERGATA..

In questo periodo storico, tanto turbato dai venti di guerra, dal terrorismo, dall’odio, Lei, la Donna Vestita di Sole, ci dà una risposta storica.

Con sollecitudine materna, quasi con insistenza, ci insegna che con la preghiera e la penitenza si può tornare a una vita di pace. “Che non esiste un destino immutabile, che fede e preghiera sono potenze, che possono influire nella storia e che alla fine la preghiera è più forte dei proiettili, la fede più potente delle divisioni.”
..le apparizioni di Fatima sono la manifestazione tangibile dell'Amore Materno di Maria che viene incontro ai suoi figli per invitarli alla conversione, alla preghiera e alla penitenza e sono un richiamo profetico alla chiesa e al mondo a non smarrire o barattare la vera fede ..


"Il Messaggio di Fatima, in generale, non è complesso. Le sue richieste riguardano la preghiera, la riparazione, la penitenza, il sacrificio, e l’abbandono del peccato. Prima che la Madonna apparisse ai tre pastorelli, Lucia, Francesco e Giacinta, l’Angelo della Pace gli aveva fatto visita. L’Angelo preparò i fanciulli a ricevere la Beata Vergine Maria, e le sue istruzioni sono un aspetto importante del Messaggio, che troppo spesso viene dimenticato.


..ma poi per motivi a noi sconosciuti, Lei arriva a farci visita , a trasformare le nostre Parrocchie Santuario per una settimana, che passa troppo veloce, ma  lascia dei ricordi indelebili nei cuori..


..ed oggi tutto ciò si è ripetuto quì a Tor Vergata, quartiere ad est di Roma, dove tanto tempo fa San Giovanni Paolo II° celebrò la giornata mondiale della gioventù con una presenza di giovani che nella storia non si ricorda..
..lasciata la parrocchia di S.Ireneo a Roma sud, l'immagine accompagnata dai collaboratori del Coordinamento Nazionale è arrivata nel pomeriggio nella Parrocchia di Santa Margherita Alacoque.. .. ad attendere la sacra icona ,il parroco Don Domenico che fatta la preghiera di saluto, con tutto il popolo dei  fedeli al canto del 13 maggio  in processione ha accompagnato  la sacra immagine in chiesa dove  rimarrà fino al 26 novembre per poi trasferirsi sulla Costiera Amalfitana a Pogerola..

Ultimo aggiornamento ( Mercoledì 09 Maggio 2018 19:15 )

 

..LA PELLEGRINA A S. IRENEO..

 

Autunno!..mentre ammiriamo tutto il fascino nascosto di questa stagione che per molti è triste e malinconica, come la descrivono molti poeti, che ne  parlano  piena di tristezza, di rancore, di nostalgia , in realtà  ha una particolarità;

le città si colorano, i paesi si impregnano di odori, e sembra che la natura con i suoi suoni componga una musica bellissima, il mare  cambia, sembra che i suoi colori si spengano leggermente e l’acqua assume un colore più tendente al grigio, ma allo stesso tempo rimane limpido e trasparente e poi la speranza, che in questo piccolo paese dell'Agro Pontino ha avuto l'opportunità di toccarla con mano, insieme alla presenza della Bianca Signora di Fatima

Il sabato sera, dopo la S.Messa, con la processione si è cominciato ad emozionarsi pensando alla partenza di domenica, che ha visto la partecipazione di centinaia di fedeli che allo sventolio dei fazzoletti bianchi ha salutato la loro Compagna di una settimana.

Sotto una pioggia battente e cambiando la fase organizzativa dell'arrivo, la Sacra Immagine è stata preparata sulla sua base adornata da centinaia di garofani bianchi nella Cappella del Santissimo all'interno della Chiesa di Sant'Ireneo a Centocelle, quartiere di Roma, e alla presenza di S.E. Mons. Giuseppe MARCIANTE è stata accolta e intronizzata con il solito rituale.Rimarrà fino a domenica 19 novembre per poi trasferirsi nella Parrocchia di Santa Maria Alacoque nel quartiere romano di Tor Vergata.

Ultimo aggiornamento ( Mercoledì 09 Maggio 2018 19:15 )

 

..in visita a Santa Gemma Galgani..

..si esulta per l’energia elettrica che solleva l’uomo dalla fatica, per i vaccini che lo salvano dal male. Ecco, la scienza genera felicità e salute per tutti, cancella le paure, avvera ogni speranza, abroga e sostituisce Dio, invece, la ragazza Gemma Galgani dice che ha colloqui con Gesù, con la Madonna , ma c’è di peggio: quei discorsi concernono la sofferenza, il dolore innocente, l’imitazione di Gesù suppliziato; proprio i temi meno sopportati dal “moderno pensiero”..

Queste poche righe per descrivere la breve sistenza di una ragazza vissuta alla fine dell800 che muore alla vigilia di Pasqua nel 1903 a soli 25 anni..sarà la prima santa morta e canonizzata (1940, da Pio XII) nel XX secolo.

E proprio nella sua casa dove riposa, nel Santuario a Lei dedicato, a Lucca che il 22 ottobre, proveniente dal Santuario Romano della Madonna del Divino Amore, è arrivata la pregiata effige della Madonna Pellegrina del Santuario di Fatima del Portogallo, statua ufficiale e unica in Italia per la Peregrinatio Mariae a cui il Santo Padre ha concesso, laddove è ospite,l'Indulgenza Plenaria.

Accompagnata come sempre dai collaboratori del Coordinamento Nazionale delle Missioni Mariane per conto del Santuario Portoghese, l'Immagine è giunta a Lucca nel pomeriggio in tempo utile per i preparativi atti allo svolgimento dell'evento programmato .

Accompagnata in processione in chiesa, dopo il rituale della posa delle corone e l'intronizzazione, è stata officiata la Santa Messa.

Domenica con la Santa messa delle 9,30 ci sarà il saluto alla Madonna che con il canto del 13 maggio partirà per il Lazio e precisamente a Fiano Romano a nord di Roma.

Ultimo aggiornamento ( Mercoledì 09 Maggio 2018 19:16 )

 

..la Vergine a Fiano Romano..

..un intero modo di guardare l’Italia in velocità sull‭’ ‬autostrada sono piccoli gli alberi,‭ ‬in miniatura i fiumi,‭ ‬minuscole le abitazioni..

..dall‭’ ‬inizio della Peregrinatio il‭ ‬22‭ ‬aprile ad oggi ed a‭ ‬5‭ ‬tappe dal termine delle celebrazioni inerenti il centenario delle apparizioni di Fatima,‭ ‬abbiamo percorso circa‭ ‬22.000‭ ‬km in compagnia di Maria,‭ ‬toccando numerose regioni‭ ‬percorrendo strade territori fantastici,conoscendo persone speciali,‭ ‬Santi Sacerdoti,‭

‬e come stamattina partendo prestissimo che era ancora notte fonda verso Lucca,‭ ‬per trasferire la preziosa statua della Madonna Pellegrina,‭ ‬nel silenzio del viaggio ripercorrere con la mente tappa dopo tappa,‭ ‬immaginare i visi degli amici incontrati per mezzo di Lei è naturale..gli stessi visi sorridenti agli arrivi e tristi alle partenze..

..come oggi a Lucca,‭ ‬dove per una settimana è stata esposta la Bianca Signora nel Monastero Santuario di Santa Gemma Galgani..

..dopo la solenne celebrazione di saluto,‭ ‬la Madonna Pellegrina,accompagnata dai collaboratori del Coordinamento Nazionale per le Peregrinatio in Italia per conto del Santuario di Fatima del Portogallo,‭ ‬sono partiti alla volta del Lazio dove con la presenza di Sua Ecc.za Mons.‭ ‬Romano Rossi,Vescovo della Diocesi di Civitacastellana è stata accolta all‭’ ‬ingresso della Città..

..il rito dell‭’ ‬accoglienza,la processione,la posa delle corone e la S.Messa hanno concluso la giornata,domenica‭ ‬5‭ ‬novembre partirà alla volta di Sezze‭ (‬LT‭)‬..

moreno marroni foto giancarlo

Ultimo aggiornamento ( Mercoledì 09 Maggio 2018 19:15 )

 

..nel santuario del divino amore!..

Invochiamo Maria, Madre e Regina della Pace. Ella, durante la sua vita terrena, ha conosciuto non poche difficoltà, legate alla quotidiana fatica dell'esistenza. Ma mai ha smarrito la pace del cuore, frutto anche della santità e della serenità di quel singolare focolare domestico. Voglia Ella indicare alle famiglie del mondo intero la via sicura dell'amore e della pace.

Dopo il saluto di commiato, nella parrocchia di Nostra Signora di Fatima ad Aranova in Roma, la sacra effige della Madonna Pellegrina, arrivata dal Portogallo ai primi di aprile, è ripartita per giungere, trà migliaia di fedeli, nel Santuario Romano del Divino Amore, a circa 12 chilometri a sud di Roma, lungo la Via Ardeatina, che, come solo pochi altri, racconta bene la storia della religiosità popolare strettamente connessa ai fatti della vita quotidiana.

La devozione nasce, infatti, alla metà del Settecento quando iniziò a circolare la voce di un viandante, diretto alla basilica di San Pietro e smarritosi nella campagna romana, salvato miracolosamente dall’icona di una Madonna con Bambino collocata su una torre del vicino Castel di Leva. Grazie a questo intervento miracoloso, la muta di cani rabbiosi che stava per assalire il viandante si fermò e apparvero un gruppo di pastori che riportarono il viandante nella giusta direzione per raggiungere Roma. La metafora della salvezza è chiarissima e il contesto primario della vita del popolo altrettanto.

Nel 1745 l’icona della Madonna venne trasferita sopra l’altare maggiore del santuario costruito non lontano dalla torre del miracolo per accogliere i fedeli che accorrevano sempre più numerosi, attratti dalla fama dell’immagine venerata. Fino all’inizio del dopoguerra, il santuario è stato meta di molti pellegrinaggi dei cittadini romani, alcuni dei quali consiste in un itinerario notturno che si svolge a piedi ogni sabato estivo. Una tradizione e una devozione che si rinnovano ancor oggi . Con orari un pò stretti , ma sicuri del Suo aiuto siamo riusciti nei tempi, infatti la S.Messa di commiato, officiata da Sua Ecc.za Mons. Gino Reali, Vescovo di Porto S.Rufina, è iniziata alle 15,30 e subito dopo con la cordiale collaborazione dei volontari della Polizia in congedo si è trasferita la base dei fiori nel luogo dell'arrivo.

Nel frattempo un collaboratore del Movimento Mariano Messaggio di Fatima in Italia, portava l'Immagine nell'aeroporto per essere imbarcata su di un velivolo insieme a Sua Ecc.za Mons. Don Augusto Paolo Lojudice vescovo ausiliare della diocesi di Roma per il settore Sud ,colgo l'occasione per ringraziare tutta la Scuola di volo Air Fly con il suo Presidente Italo Marini, che ogni volta che ce n'è l'occasione è sempre disponibile con i suoi velivoli, tant'è che ieri ne ha messi a disposizione due, uno per le riporese fotografiche ed uno per ospitare la così tanto amata Mamma Celeste.

L'arrivo, e la piccola processione, per giungere nel vecchio Santuario, ha visto una presenza eccezionale di persone, che giunte da ogni parte hanno poi, accompagnato la Madonna Pellegrina nel nuovo Santuario dove sosterrà fino a domenica 22 ottobre 2017.

“Ecco la tua madre!” Gesù rivolge queste parole a ciascuno di voi, cari amici. Anche a voi chiede di prendere Maria come madre “nella vostra casa”, di accoglierla “tra i vostri beni”, perché “è Lei che, svolgendo il suo ministero materno, vi educa e vi modella fino a che Cristo non sia formato in voi pienamente.

moreno marroni foto giancarlo

Ultimo aggiornamento ( Mercoledì 09 Maggio 2018 19:16 )

 

<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 Succ. > Fine >>

Pagina 3 di 8